VENDÉE Globe Race 2016-2017

…. La regata più pazza del mondo…..

Fu dondata nel 1989 – Per le Classi IMOCA 60

Partenza e Arrivo da LES SABLE-D’OLONNE (Francia)


Nel duello più lungo il bretone  Armel Le Cléac’h vince il giro del mondo 2016-2017

Con il record del mondo abbassato di quattro giorni, Armel Le Cleac’h ha vinto la leggendaria Vendée Globe Challenge, il giro del mondo in solitario e senza scalo che era partito il 6 novembre da Les Sables d’Olonne, un’edizione rivoluzionata dagli scafi dotati di “baffi”. Testa a testa con il britannico Alex Thomson durato oltre 25 mila miglia:

Capo di Buona Speranza (Sud Africa)

Al Capo di Buona Speranza fu dato il nome di «Capo Tempestoso» dall’esploratore portoghese Bartolomeu Diaz, il primo europeo a raggiungerlo via mare nel 1488. Nel XV secolo, le navi si trovavano spesso in difficoltà in questo tratto di mare.

Capo Leeuwin (Australia)

Capo Leeuwin è considerato erroneamente il punto più a sud dell’Australia e il punto d’incontro tra l’Oceano Indiano e l’Oceano Glaciale Antartico. Il nome gli fu assegnato nel 1801 dal navigatore e cartografo inglese Matthew Flinderscapo, in onore del vascello olandese “Leeuwin” che per primo lo doppiò, nel 1622.

Pur non essendo il punto più meridionale dell’Australia Capo Leeuwin fa parte delle “boe” naturali, utilizzate dalla maggior parte delle regate intorno al mondo (come la Vendée Globe)

Assieme agli altri due capi nominati fa parte della fascia di latitudine dei “QUARANTA RUGGENTI”, così denominata proprio per indicare alcuni dei tratti di mare più pericolosi al mondo.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici! Oppure raccontaci quale di queste rotte ti piacerebbe intraprendere, da solo o in compagnia!

Capo Horn (Cile)

Capo Horn è il punto più a Sud delle Americhe, situato in realtà nell’omonima isola, appartenente all’arcipelago della Terra del Fuoco. Venne doppiato per la prima volta dalla spedizione Olandese di Willem Schouten e Jacob Le Marie, che lo battezzarono Kaap Horn in onore della città natale di Schouten.

Si può scegliere di passare in mare aperto, dal canale di Drake, oppure nello Stretto di Magellano, attraverso le isole della Terra del Fuoco, che però offrono un passaggio lento e ricco di insidie. In ogni caso Capo Horn va affrontato nella stagione estiva, quando le giornate durano circa 20 ore e le temperature sono un po meno proibitive.

Il motivo delle violenti tempeste che si infrangono su Capo Horn risiede nella costante presenza di vento da Ovest, che corre lungo l’Oceano australe, unita ad un repentino abbassamento della profondità del mare. Nello stretto di Drake il fondale passa improvvisamente da 4.000 m ad appena 100 me questo causa la formazione di onde estremamente violente. La normalità in estate sono 20-25 knt di vento e 2-3 m di onda ma la Marina cilena rileva spesso venti di 80- 100 knt e onde superiori a 20 m. Se poi consideriamo una temperatura dell’aria che va dai 12°C (in estate) ai -5°C (di inverno), con l’acqua sempre prossima agli 0°C, potrete facilmente capire il perché della fama di Capo Horn.

La mappa indica la rotta della regata VENDE’E GLOBE

http://www.vendeeglobe.org/en/


La 17a RACE

Iniziata il 6 novembre 2016

Terminata il 17 gennaio 2017

Per il vincitore: Armel Le Cléac’h è durata 74 giorni 03h 35′ 46″

Sebastien Josse alla partenza del Vendée Globe su Gitana

la Francia s’inchina agli eroi della vela estrema.

I PARTECIPANTI ARRIVATI

Sailor

Yacht

Time

Armel Le Cléac’h

Banque Populaire VIII §

74d 03h 35′ 46″ (current record)

Alex Thomson

Hugo Boss §

74d 19h 35′ 15″

Jérémie Beyou

Maître CoQ §

78d 06h 38′ 40″

Jean-Pierre Dick

StMichel-Virbac §

80d 01h 45′ 45″

Yann Eliès

Quéguiner – Leucémie Espoir

80d 03h 11′ 09″

Jean Le Cam

Finistère Mer Vent

80d 04h 41′ 54″

Louis Burton

Bureau Vallée

87d 19h 45′ 49″


Nándor Fa

Spirit Of Hungary

93d 22h 52′ 09″

Éric Bellion

Comme un Seul Homme

99d 04h 56′ 20″

Arnaud Boissières

La Mie Câline

/ Conrad Colman

100% Natural Energy

Didac Costa

One Planet One Ocean

Fabrice Amedeo

Newrest – Matmut

Alan Roura

La Fabrique

Pieter Heerema

No Way Back §

Rich Wilson

Great American IV

Romain Attanasio

Famille Mary – Etamine Du Lys

Sébastien Destremau

TechnoFirst – FaceOcean

 

UN PO’ DI STORIA:

La Vendèe-Globe è una regata per barche a vela che consiste in una circumnavigazione completa in solitaria, senza possibilità di attracco o di assistenza esterna (pena l’esclusione). L’iniziativa è stata fondata da Philippe Jeantot nel 1989 , e a partire dal 1992 si è svolta ogni quattro anni. Per le sue evidenti restrizioni, la regata costituisce una dura prova di resistenza individuale, e viene da molti considerata come la più significativa delle competizioni in ambito velico, è soprannominata « L’Everest de la mer » o « L’Everest des mers », in ogni caso è l’unica regata al mondo in solitario, senza scali e senza assistenza che prevede la circumnavigazione completa del globo. 

La Regata venne istituita nel 1989 dal velista Philippe Jeantot. Jeantot aveva già preso parte alla BOC CHALLENGE (oggi Velux 5 Oceans Race), nelle edizioni 1982-83 e 1986-87, vincendole entrambe: insoddisfatto della formula “a tappe”, decise di allestire una nuova regata non-stop, che nelle sue intenzioni doveva rappresentare la sfida per eccellenza per i navigatori in solitaria.

La prima edizione della gara si tenne a cavallo fra il 1989 e il 1990, e fu vinta da Titouan Lamazou; Jeantot stesso vi prese parte, classificandosi al quarto posto . L’edizione successiva fu quella del 1992-93; da allora si è regolarmente svolta ogni quattro anni.

Le Barche

La gara è aperta a ogni imbarcazione a scafo singolo conforme ai parametri della classe OPEN 60 (prima del 2004, la competizione era estesa anche agli Open 50). Alcune peculiarità dell’imbarcazione sono lasciate alla discrezione del partecipante, ma un pacchetto di regole limita o impone parametri riguardanti lunghezza, pescaggio, stabilità e appendici, oltre a una serie di numerose norme legate alla sicurezza.

LA ROTTA DEI CLIPPERS

La Gara

La gara inizia e finisce a Les Sables-d’Olonne, nel dipartimento francese di Vendèe. Sia Les Sables d’Olonne che il Vendée Conseil Général sono sponsor ufficiali della competizione. Il tragitto è sostanzialmente una circumnavigazione lungo la clippers route: da Les Sables-d’Olonne, giù per l’Oceano Atlantico al Capo di Buona Speranza, dopo di che si procede in senso orario attorno all’Atartide, lasciando a sinistra Cape Leeuwin e Capo Horn, infine di nuovo verso Les Sables d’Olonne. La gara generalmente dura da Novembre a Febbraio: è studiata in modo che i partecipanti possano affrontare i Mari Antartici durante l’estate australe.

Ulteriori punti di navigazione obbligatori possono essere imposti in aggiunta al regolamento per una particolare edizione, al fine di garantire la sicurezza dei partecipanti in merito per esempio alle mutevoli condizioni dei ghiacci. Nell’edizione 2004, ai partecipanti fu chiesto di tenersi a nord dei seguenti punti di riferimento:

· un passaggio situato a sud del Sudafrica , a 44 ° Sud, tra 005 ° e 014 ° Est

· Heard Island

· un passaggio a sud ovest dell’Australia, a 47° Sud, tra 103° Est e 113° Est

· un passaggio a sud est dell’Australia, fra 52° Sud, tra 136° Est e 147° Est

· un passaggio nell’Oceano Pacifico, a 55° Sud, tra 160° Ovest e 149° Ovest

· un passaggio nell’Oceano Pacifico, a 55° Sud, tra 126° Ovest e 115° Ovest

Ai concorrenti è concesso star fermi all’ancora, ma non accostarsi a una banchina o un’altra imbarcazione; essi non possono ricevere assistenza esterna, comprese previsioni meteo personalizzate o informazioni sulla rotta. L’unica eccezione è che un concorrente che ha un problema iniziale può tornare alla partenza per le riparazioni, purché sia in grado di riprendere la gara entro 10 giorni dalla data in cui la competizione ha avuto ufficialmente inizio. La gara si caratterizza come una serie di sfide di rilievo, in particolar modo per le impegnative condizioni di vento e onda nei Mari Antartici, la notevole durata di una corsa senza assistenza, e il fatto che la rotta spinga spesso i concorrenti lontano dalla portata di qualsiasi normale risposta in caso di emergenza. Di norma, una significativa percentuale di iscritti è costretta al ritiro, e nell’edizione 1996-97 il velista canadese Gerry Roufs è scomparso in mare. Per contenere i rischi, ai concorrenti è richiesta l’idoneità a corsi di sopravvivenza e pronto soccorso. Devono altresì fornire prove attendibili di una solida esperienza acquisita in materia di navigazione, e queste consistono in due possibilità: o la partecipazione a una precedente competizione transoceanica in solitaria, oppure, naturalmente, aver preso parte a una passata edizione dello stesso Vendée Globe e averla portata a termine per intero. Per regolamento, il passaggio di qualificazione deve essere stato effettuato con la stessa imbarcazione che gareggerà; in alternativa il concorrente dovrà sottoporsi, con la barca che gareggerà, a un ulteriore passaggio transoceanico di osservazione, non inferiore alle 2.500 miglia e da percorrersi a una velocità media di almeno sette nodi (circa 13 km/h). Dal momento che le gare transoceaniche in genere sottostanno a rigidi criteri di idoneità, si ritiene che ogni iscritto al Vendèe abbia accumulato una sufficiente competenza in merito.

I VINCITORI delle varie edizioni:

1989-1990 – Titouan LamazouFrancia – 109 gg 08 h 48’

1992-1993 – Alain Gautier Francia – 110 gg 02 h 22’

1996-1997 – Christophe Auguin Francia – 105 gg 20 h 31’

2000-2001 – Michel Desjoyeaux Francia – 93 gg 3 h 57’

2004-2005 – Vincent Riou Francia – 87 gg 10 h 48’

2008-2009 – Michel Desjoyeaux Francia – 84 gg 3 h 9’

2012-2013 – François GabartFrancia – 78 gg 2 h 16’

Il fascino della vela

Vittorio Malingri è l’unico italiano ad aver fatto e quasi completato il Vendée Globe, giro del mondo in solitario, con una barca progettata e costruita da solo. Vittorio “Ugo” Malingri, skipper, figlio di Franco, navigatore e progettista, e nipote di Doi, apripista della vela oceanica in Italia. Vittorio (19 maggio, 1961), naviga da quando ha cinque anni. A diciassette anni ha fatto il giro del mondo con la famiglia e, come ama ripetere, da allora “non è mai più tornato”. Ha vissuto sempre a bordo delle sue barche a Cuba, Bahamas, Francia, Panama, Grecia. Non ha mai tenuto il conto delle miglia percorse, anche se si dice che siano attorno alle 400mila. Pragmatico e insieme sognatore, anticonformista, ama la natura selvaggia in tutte le sue forme, non solo quella marina, ed è sempre alla ricerca di una nuova sfida o di una nuova impresa da compiere.
Vero e proprio “maestro di mare”, tra un’avventura nautica e una terrestre, Vittorio ha sempre tenuto su tutte le sue barche – Huck Finn, Moana 60’, Elmo’s Fire, Time of Wonder  e sull’ultima Huck Finn II – corsi di scuola di vela d’altura “Ocean Experience”, ai quali hanno preso parte negli anni oltre un migliaio di allievi. Ha una grande famiglia allargata di cui va molto fiero e che forma da sola un gran bell’equipaggio. Ma la sua crew preferita è quella composta dai figli: Manuele (26), Nico (24), Nina (12) e Mila (6).

 

CARLO GATTI

Rapallo, 15 Febbraio 2017